Luci Italiane e il Playground: la discussione continua

7
1080

L’azienda in questione produce e vende articoli di illuminazione di fascia medio alta. L’impresa ha una lunga storia artigianale e nonostante le piccole dimensioni è presente in oltre 50 Paesi grazie ad una rete di grossisti, negozi al dettaglio, agenti, e altri attori. Questa volta il problema da cui partiamo è uno scoglio di non poco conto: cosa vuole il mercato? Il Playground parte dunque cercando di far luce sul mercato e aiutare l’azienda a scoprire come affrontarlo.

I dati distintivi dell’azienda che ha partecipato alla serata Playground:

Luci Italiane

Core Business: Produzione e vendita di articoli d’illuminazione per interni, moderni e classico contemporaneo.

Segni particolari: Flessibilità

Passaporto: Esegui l'accesso per visualizzare il contenuto.

Concetti emersi durante la presentazione dell’azienda e le domande dei partecipanti

Luci-italiane

Concetti emersi dopo il brainstorming tra i partecipanti

debrifing

Qui puoi trovare il PDF con la presentazione dell’azienda: Scarica

e il live streaming della serata su twitter: Esegui l'accesso per visualizzare il contenuto.

7 COMMENTS

  1. Durante la serata il problema che personalmente ho percepito come primario è quello dell’identità. ed è un problema non poco diffuso: chi siamo? qual è il plus che ci distingue dai competitors? e soprattutto chi sono i nostri clienti?

    Mi è piaciuta molto la metafora della mucca viola di Samuel Mazzolin…
    Che ne pensate?

  2. Penso che Samuel in quella metafora abbia racchiuso e sintetizzato molte delle problematiche che affliggono l’azienda.
    Io vedo la mucca viola come l’obiettivo che si deve raggiungere.

    La mucca viola è brand, la mucca viola è comunicazione, la mucca viola è… la voglia di andare avanti e superare questo momento di crisi generale, la voglia di differenziazione, la voglia di creare nuovi prodotti, nuovi materiali e nuove tecnologie, nuovi design e il consolidamento nei mercati nei quali sono già presenti.

    Peccato che oggi forse sono un piccolo pesce rosso

  3. Alcune idee da percorrere per l’azienda sono emerse durante la serata.
    Credo che per Luci Italiane sia importante iniziare a ragionare in modo doppio: in un’ottica di breve periodo e in un’ottica di lungo periodo.
    Questa duplice visione si rende necessaria dal momento in cui lo stato attuale delle cose non permette certo rivoluzioni o investimenti di chissà che tipo.
    Cosa fare dunque?

    In un’ottica di Breve Periodo credo sia importante continuare sulla strada intrapresa cercando, come suggerito quella sera, di creare alleanze con altre aziende anche di piccole dimensioni che operano all’interno della filiera dell’arredamento al fine di proporre un prodotto/servizio di design che sia capace di soddisfare l’esigenza di arredamento e di design in modo completo. Inoltre, questa strategia dovrebbe permettere alcune economie.

    In un’ottica di lungo periodo credo sia necessario scoprire la mucca viola e da li costruire il futuro dell’azienda.
    Le direzioni sono molteplici:
    – nuove strategie di debriefing con i designer in stile Zoopa o comunque basate sul crowsourcing
    – specializzazione su un segmento/target come ecodesign o led o …
    – nuove strategie di comunicazione basate sui social che permettano di entrare in contatto con il cliente finale anche in paesi lontani. Questo aumenterebbe la brand awareness e libererebbe l’azienda dal giogo degli intermediari
    – valutare ed eventualmente aumentare la quota di contract come possibilità strategica con tutte le implicazioni a livello organizzativo

    Non credo vi sia la soluzione ma una serie di soluzioni.
    La migliore penso sarà quella più legata alla storia e ai valori indentitari dell’azienda.

    Il primo passo verso il futuro è quindi necessariamente la risposta al perché noi?

    PS
    La mucca viola è di Seth Godin non di Samuel che comunque con quella frase ha centrato il problema 🙂

  4. Condivido con l’analisi fatta da Gianluca. E assolutamente condivido con Seth Godin e la sua mucca viola!
    Mi resta una domanda però. E’ su questo mercato, con queste risorse e con questo canale che va cercata la mucca viola? E’ possibile oggi differenziare a tal punto, in queste condizioni, oppure in un’ottica di lungo periodo è necessario ripensare al target (con tutte le eventuali implicazioni nel modello di business)?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here